logo

Mission

 

Coltivare passione

Passione per vite e vino tramandata da padre in figlio; storia di bambini cresciuti in un contesto dove la vendemmia è una festa, un momento di unione e condivisione. Oggi storie di uomini, che realizzano un progetto iniziato nel 2000, dove si decide di dare vita e soprattutto una svolta alla destinazione delle uve dei nostri vigneti, realizzando una cantina all’avanguardia che unita a tecniche tradizionali ci permette di raggiungere il massimo controllo dalla vendemmia fino all’imbottigliamento. La cantina è stata progettata e sviluppata per assorbire la produzione delle nostre tenute, dislocate in quattro contrade con una superficie vitata di circa 15 ettari. La cantina sorge a Favara, in un contesto incantevole tra ulivi e vigneti vicinissimo alla valle dei templi di Agrigento: ” territorio dove la storia fa da padrona da migliaia di anni,

mappa - Copia

Il territorio dove nasce il Grillo 

Sul finire dell’ottocento il barone Antonio Mendola Agronomo e ampelografo si dedicò allo studio delle viti. Fra i documenti ritrovati ce n’è uno importantissimo. L’atto di nascita del Grillo datato 1874. Si tratta di un vitigno contemporaneo che è un incrocio tra i vitigni Catarratto e Zibibbo che il barone Mendola fecondò artificialmente nel suo vigneto di Piana dei Peri a Favara

Il nostro obiettivo fin dall’inizio è stato quello di produrre un vino che parlasse del territorio da cui proviene, territorio di vini autoctoni con innesti della vite portati avanti in questi anni da cloni antichissimi

In questi anni possiamo dire di avere raggiunto l’attenzione dei consumatori, riuscendo a trasmettere le nostre emozioni attraverso le nostre etichette: Oggi la Casa Vinicola Morreale porta avanti con grande entusiasmo questa importante tradizione con la convinzione che per una piccola realtà la non standardizzazione e una forte specializzazione diano risultati di vera eccellenza.

 

 

 

 

Translate »